Hansel & Gretel

 

Questo spettacolo rivolge ai piccoli spettatori la ricerca drammaturgica che il Teatro Invito sta svolgendo sui “classici”.
In questo caso la fiaba, che viene raccontata da Valerio Maffioletti, attore storico del Teatro Ragazzi, nei panni di un cantastorie che evoca e accudisce i due protagonisti con atteggiamento paterno.
Quello di Hansel e Gretel, secondo le interpretazioni di Bettelheim, è un percorso di crescita, un rito di iniziazione inevitabile. Perciò, il padre-narratore mette alla prova i due bambini inserendoli nella trama del racconto. Il bosco, la casa di pane, il fiume verranno felicemente superati, anche grazie ai suoi suggerimenti.
Il filo conduttore è la fame che dal narratore (che non mangia da tre giorni) si trasferisce sui personaggi.
L’attore evoca i luoghi della fiaba attraverso la parola, il canto, l’uso di oggetti quotidiani e di strumenti musicali. La chitarra, le percussioni, la kalimba e il flauto creano una foresta di suoni, trasformano evocativamente lo spazio scenico, si abbinano a giochi luminosi di raffinata semplicità. La scenografia è segnata da fascine di sambuco la cui disposizione crea i diversi ambienti del racconto.
I piccoli spettatori vengono portati nel cuore magico della fiaba, presi per mano con delicatezza e ironia per affrontare anche l’esperienza più paurosa: la strega, la paura di essere abbandonati e divorati.
Ma come in tutte le fiabe, il superamento della paura porterà al lieto fine.
Una canzone festeggerà lo scampato pericolo. Col tesoro della strega Hansel e Gretel non avranno mai più fame e il cantastorie finalmente avrà qualcosa da mettere sotto i denti.

hansel & gretel

di  Valerio Maffioletti e Luca  Radaelli

con Valerio Maffioletti

 regia Luca Radaelli

 

Permesso SIAE
Materiali

Clicca sulla freccia per visualizzare o scaricare >

scheda spettacolo

scheda tecnica

foto HD